logo L'allenamento intermittente.

Download

Impellizzeri.1_2.01.pdf

Filesize:1428 Kb

Filetype:pdf

Autore: Impellizzeri, F. Sassi, A. Arcelli, E. La Torre, A.

ID: 988

L'allenamento intermittente.

(Intermittent training.).


Anno:Gen-Apr 2001.
Numero Rivista:1-2.
Volume:1-2.
Pagine:7-15.

Vengono analizzate le caratteristiche metaboliche e gli adattamenti fisiologici prodotti dall'allenamento intermittente, di solito poco conosciuti. Questo tipo di allenamento può indurre miglioramenti delle caratteristiche anaerobiche, delle prestazioni ad intensità massimali e, in qualche caso, di alcune caratteristiche aerobiche. Il miglioramento del massimo consumo di ossigeno, riportato in alcuni studi, potrebbe esser prodotto, oltre che dall'aumentata enzimatica, da una maggiore efficienza del sistema cardiorespiratorio e probabilmente in funzione della durata dello sforzo piuttosto che del recupero. Nel lavoro intermittente assumono un ruolo importante le capacità di smaltimento e di tamponamento dell'acido lattico. Le diminuzioni del pH inoltre determinano un rallentamento della risintesi del creatinfosfato. Il profilo metabolico dei lavori intermittenti, quindi, differisce in funzione dell'intensità dello sforzo, della sua durata e di quella del recupero. L'allenatore deve comunque scegliere il protocollo secondo gli obiettivi fisiologici che vorrà ottenere.

Parole Chiave
  • allenamento

  • fisiologia

  • muscolo

  • mezzofondo

  • metodologia

  • lattato

  • consumo di ossigeno

  • metabolismo energetico

  • capacità anaerobica

  • potenza aerobica

  • interval training




The metabolic characteristics and the physiological adaptations are analyzed produced by intermittent training, which are usually little known. This kind of training can induce an improvement of the anaerobic characteristics of performances at maximum intensity and, in some cases, of some aerobic characteristics. The improvement of the maximum oxygen consumption, reported in some studies, could be produced not only by the increased enzymatic activity, but also by a greater effectiveness of the cardiorespiratory system and probably in relation to the duration of the effort rather than the recovery. In intermittent works the capacities of elimination and plugging of the lactate have a very important role. The decrease of pH, besides, determines a slowdown of the resynthesis of phosphocreatine. Intermittent training metabolic outline is different in relation to the effort intensity, to its duration and to the recovery duration. The coach has to choose the protocol depending on the physiological purposes he wants to obtain.

Keywords
  • training

  • method

  • middle distance running

  • physiology

  • energy metabolism

  • oxygen consumption

  • aerobic capacity

  • anaerobic capacity

  • interval training

  • lactate

  • muscle

  • .